Wednesday, 4 May 2016

Get ready for Summer with Corporelle the new line from Selvert Thermal


Every year it's the same story as we approach the warmer months we feel the urge to get in better shape. We go to the gym, even start a diet and we try to find a great cream to makes things easier (and faster). I'm always interested in trying new products because I think that the right ones really makes the difference in the appearance of our skin so I was very excited when I was contacted by Selvert Thermal to lear about Corporelle. It’s their newest line of body products and it’s targeted to improve the appearance of certain areas of our bodies. Its advanced and effective formulation contains thermal water with silicates, trace elements and bio saccharides.
The line is clinically tested and suitable for very sensitive skins. It is, as they say, “tailor made” to adapt to each customer’s need and offers a range of products that you can combine to fight directly the problem the concerns you the most. The products are aimed to fight aging, improve the skin elasticity and flexibility while prevent dehydration.
They are sold as a dual pack: 


- Pack Slimming: Renovating Exfoliating Serum + Anti-Cellulite cream.
- Pack Push-up: Renovating Exfoliating Serum + Firming Push-Up cream

First of all let’s talk about the packaging! I love it! It’s practical yet very chic…plus it’s pink.
I got the chance to try the Push-up pack and I was particularly intrigued by the Serum. In fact this is not just a serum, it’s an exfoliant as well and combines these two elements in one tube which is brilliant!
You’re supposed apply it twice a week on clean, dry skin and massage until it has completely absorbed. Do not rinse and follow up with the second step. For me it was the Firming Push-up cream that I applied on my trouble areas two times a day with circular motions until it completely absorbed.

Both the products have a nice, clean, luxurious scent, that is not overpowering and a light, fast-absorbing texture that makes application really easy. After the application your skin feel smoother and instantly appears more compact. I’ve been trying these products for about two weeks and I can see my body is definitely firmer and more toned which is amazing! Of course you should  follow up with some sport a balanced diet. Selvert Thermal is definitely a brand I trust and they created another great line to make us look better and feel better instantly!

You can use these products at home but they also introduced four new in-Salon treatments. Selvert Thermal qualified experts will guide you to design your tailor made treatment, adapting it to your individual needs, combining the different masks and products designed to reduce, drain, tone, regenerate and get rid of stretch marks.

I recommend you to visit your local Salon and get your hands on these products asap!

For more information and to find the closest Salon you can visit Selvert website or email them at: info.selvertitalia@gmail.com.
xx
C

__________________________________________________________________________________

È sempre la stessa storia, ogni anno con l’avvicinarsi dell’estate sentiamo il bisogno di migliorare la nostra forma. Andiamo in palestra, ci mettiamo perfino a dieta e soprattutto cerchiamo quel predotto miracoloso che possa aiutarci a sveltire il processo. Come sapete mi piace sempre provare nuovi prodotti, quindi sono stata entusiasta quando la Servet Thermal mi ha contattata per parlarmi della loro nuova linea di prodotti per il corpo. Si chiama Corporelle ed è una linea di prodotti mirata a migliorare gli inestetisimi che colpiscono alcune zone del nostro corpo, attraverso una serie di trattamenti e prodotti “tailor made” per soddisfare le necessità di omniuma di noi.
Sono prodotti dalla formulazione avanzata ed efficace, che contengono una base di acqua termale con silicati concentrati, oligoelementi e bioscaccaridi.
La linea è clinicamente testata ed è adatta anche alle pelli più sensibili e i prodotti promettono di combattere i segni dell’invecchiamento cutaneo, migliorare la flessibilità e l’elasticità della pelle, combattendo la disidratazione e migliorandone l’aspetto.

Hanno pensato ad una linea di trattamenti professionali da fare in Salone e ad una linea per l’autocura domiciliare che vengono venduti in un dual-pack:
- Pack Slimming: Renovating Exfoliating Serum + Anti-Cellulite cream. 

- Pack Push-up: Renovating Exfoliating Serum + Firming Push-Up cream

Per prima cosa parliamo della confezione! La adoro! È pratica e chic allo stesso tempo…in più è rosa, devo veramente aggiungere altro? Ho avuto la possibilità di provare il Push-up pack e la cosa che mi ha incuriosita di più e senz’altro il siero. Infatti non si tratta di un semplice siero ma accompagna alla funzione idratante delle proprietà esfolianti, combinando insieme la funzione di questi due elementi, semplicemente geniale! Va applicato due volte a settimana, sulla pelle asciutta e pulita, massaggiando fino al completo assorbimento. Non si sciacqua e si procede con il secondo step, che nel mio caso è la crema Push-up, da applicare due volte al giorno, mattina e sera, sulle zone da trattare, con movimenti circolari verso l’alto.

Entrambi i prodotti hanno una profumazione molto gradevole, pulita e raffinata che non è per niente invasiva. La consistenza è leggera e il prodotto si assorbe facilmente, rendendo l’applicazione piacevole e veloce. La pelle è subito più liscia al tatto e appare visibilmente più compatta. Sto utilizzando questi prodotti da circa due settimane e sono molto soddisfatta dei risultati, vedo la mia pelle più tonica e rassodata. Ovviamente a questo va aggiunto un po’ di esercizio fisico e una dieta equilibrata.
Selvert è un marchio di cui mi fido, che crea sempre nuovi favolosi prodotti per farci apparire e soprattutto farci sentire istantaneamente più belle!

Come vi dicevo potete usare questo prodotti a casa o recarvi nel vostro salone di fiducia per provare i loro nuovi 4 trattamenti che si accompragnano alla linea Corporelle. Gli esperti qualificati Selvert, vi guideranno per individuare il trattamento tailor made, che meglio soddisferà le vostre esigenze, combinando le diverse maschere e prodotti mirati a ridurre la cellulite, drenare, tonificare, rigenrare e ridurre l’aspetto delle smagliature.

Cosa aspettate quindi? Andate a scoprire questa nuova fantastica linea!Per maggiori informazioni e per trovare i Centri estetici a voi più vicini, potete visitare il sito della Selvert o contattarli via email: info.selvertitalia@gmail.com.



xx

C
 














Friday, 29 April 2016

East side stories Hong Kong and how to make the perfect orzo


 
Note to the reader: This time you'll find the recipe for the drink as soon as you star reading but   don't forget to play the music ;)
You can find the previous chapters here: Stormy Weather, Blue Moon, Noir in Fake Shanghai

Nota per il lettore: Questa volta troverete la ricetta per il drink all'interno del testo, ma non dimenticate di dare il via alla canzone ;) 
Trovate qui le puntate precedenti: Stormy Weather, Blue Moon, Noir in Fake Shanghai

 


- The secret to the perfect orzo is patience and temperature. Take a large cup, fill it with water and put it in the microwave for at least 4 minutes. When you take it out, the water should be boiling hot. Meanwhile take another cup, I recommend Pantone 186, my favorite kind of red, add two or three generous teaspoons of orzo, the organic kind, a teaspoon of honey and a pinch of cocoa powder. Pour the water slowly in the cup and stir frantically until it's all blended. If you've done a good job you'll see a nice foam on top. If you have a sore throat just add a drop of grappa or any hard liquor you can find in the mini bar.
 
- I don't get why you're talking about patience. It takes less than 5 minutes to make.
 
- 5 minutes to make, 20 to drink, unless you want to burn your mouth. Oh and there's one last ingredient: a nice chat in good company of your choice. There! Enjoy. A couple of butter cookies would be ideal but unfortunately I couldn't find any here in the hotel.



Sounds like a regular conversation with a friend. One of those nice chats you would have in your pajama watching Breakfast at Tiffany's for the millionth time, with your favorite Pantone mug in you hand.
 
But it's not.
 
It's 5 a.m. almost dawn. In a little while the first sun lights will make their way through the thick, eternal fog, lighting up the buildings on the Hong Kong coast. We just got back to the hotel after partying like crazy at Dragon-i one of the most popular clubs in town.
 
It's typical for Stig on a business trip. When he's home you can find him sleeping on the sofa at 10.30 p.m.. He says his critical hour is in between 10 p.m and 11.30 p.m. but this just happens on a national level. In fact when he crosses the ocean it's a whole new story: he never sleeps, he forget to eat and he (almost) lost that typical sadness in his eyes.
Anyhow no matter what, after a concert he has to have his hot orzo cup.
Even in Hong Kong where is crazy hot and humid. Very humid. Freaking humid. And hot.
 
We said goodbye with the promise to meet in Italy in front of the Music Academy where he rehearse every Thursday night, in that nice place when they make tapas and sangria, to talk about Shanghai and what this trip lefts us. We had to change plans.
 
But let's take a step back to when I went to get my Chinese Visa for the trip and they sent me back because there was some kind of stupid paper (no one ever told me about) missing. Of course when Stig went to get his, without the stupid paper of course, the appointee, out of the blue, started singing “Recondita armonia” from Puccini's “Tosca”. At that point Stig offered to join in for a duet, telling the lady he's an opera singer. Of course she loved Opera, she grew up in Shanghai and she worked for the major Opera houses all over China. I'm sure by this point you all have figured out that Stig came out of there not only with his Visa but with a long list of contacts of directors of the main theaters in Shanghai, Bejing, Hong Kong and of course I hated him for that. This kind of things just happens to Stig.
 
So he and his partner were at Pudong airport , handing their luggage in when he got a call. There was a non-scheduled concert in honor of Bernstein and the tenor who was supposed to sing Maria from West Side Story was out of voice. When sending out his presentation email Stig attached the demo of two songs and one of them was Maria. Destiny does exists.
I was just getting out of a club in the French Concession when he phoned me:

- Houston we have a problem. Hong Kong. Tomorrow. Concert. Panic. Business partner gone. Hotel is on the theatre. Flight is not. In 6 hours.
 
Six hours later I was on the flight. This time it was my turn to “be Stig”. I always dreamed about visiting Hong Kong.

- You're performance was great and given the circumstances it went smooth.
 
- Yes I'm quite pleased. I studied this piece last summer and then I have to leave it behind to prepare for Boheme, which I'll be performing in three days as soon as I land in Italy. Even though it has an uneven rhythm, what's difficult about Maria in not just the technique but the interpretation. The character finds love, true love, real love and nothing looks the same anymore: names, colors, sounds...Maria...Maria...Maria... Say it loud and there's music playing, Say it soft and it's almost like praying… Isn't the love we lost with innocence the one we all would like to find? It was the love I thought...I thought...
 
- ...You thought?

- Never mind. Do you like my orzo?
 
Better drop it. I can see that sad look back in his green eyes.
 
- Do you think the director liked you?
 
- I hope so, they told me there are some auditions in August in Singapore for a new production...since I'll be there...who knows...
 
- It's good news.

- Anyways let’s talk about something serious did you know that our hotel is next to a very exclusive place?
 
- Really?
 
- Wyndham Street…down this way there's a Bothos store. Is where I fell in love with their amazing backpacks. I almost got one on my way to Shanghai.

- Yes and I remember you didn't get it because...the Bonastre backpack you saw in Luisa Via Roma made your heart pound...

- Definitely. Too bad the price almost made it stop...but you know the price for those kind of things...I really like Bothos backpacks though, they're so edgy, soft leather, nice fabrics and the ones I fancy are always sold out online...you can only try to find them in store and there's only one store in the whole wide world...and it's down this street... 

Would he be able to resist the temptation? The store was opening at 10.30 a.m and it was just 5.30...
 
It was a beautiful dawn and the golden rays of the pale sun were reflecting on the windows of HSBC. In this little oriental corner, so chaotic yet so exciting, you can walk down the street so early in the morning feeling like you're in the busiest street of London.
But this is another story so...till next time.


xx

C
____________________________________________________________________________________


- Il segreto per fare un ottimo orzo sta nella pazienza e nella temperatura. Prendi una tazza molto grande, la riempi d’acqua e la infili nel microonde, per almeno 4 minuti. Quando la tiri fuori devi vederla bollire ben bene. Nel frattempo hai preso un’altra tazza, io consiglio una Pantone 186, il mio punto di rosso preferito, in cui hai messo due o tre abbondanti cucchiaini di orzo, quello biologico, un cucchiaino grondante di miele e un pizzico di cacao amaro in polvere. Alla fine ci versi l’acqua, lentamente, mentre freneticamente mescoli.
Capirai di avere fatto un buon orzo vedendo la cremina marrone che si forma in cima. Sei hai un po' di mal di gola aggiungi un goccio di grappa o altro super alcolico a piacere che trovi nel frigo bar.

- Perché dici che uno degli ingredienti è la pazienza? Ci vorranno al massimo 5 minuti per prepararlo.

- 5 minuti per prepararlo, 20 per berlo, a meno che tu non voglia ustionarti. E poi manca ancora l’ultimo ingrediente: due buone e rilassate chiacchiere in compagnia, a piacere. Ecco a te: buona degustazione. Un paio di biscottini al burro sarebbero la morte sua, ma, purtroppo, non sono riuscito a trovarli qua in albergo.



Sarebbe un dialogo normale tra amici. Sarebbe una di quelle chiacchiere rilassate da fare in pigiama. Sarebbe una serata da passare a vedere Colazione da Tiffany per la milionesima volta con la tazza Pantone in mano.

Sarebbe.

Ma sono le 5, è quasi l’alba. E tra poco i primi raggi di sole tenteranno di farsi strada nella fitta e perenne nebbia, illuminando i grattaceli sulla costa di Hong Kong. Siamo appena rientrati in hotel dopo avere festeggiato al Dragon-i, uno dei locali più frequentati della zona. È una tipica scena da Stig in trasferta. Quando è a casa in Italia puoi essere pressoché certa di trovarlo che dorme sul divano del suo studio già alle 22.30. Lui sostiene che il suo orario critico è tra le le 22.00 e le 23.30. Ma è una regola che vale solo nei confini nazionali. Quando attraversa l’Oceano non dorme, dimentica di magiare, perde quella venatura amara tipica del suo sguardo. Ma non rinuncia all’orzo bollente dopo un concerto. Anche qui ad Hong Kong, dove è dannatamente caldo e umido. Molto umido. Fottutamente umido. E caldo.
Ci eravamo lasciati con la promessa di rivederci in Italia per andare in un carinissimo locale dove fanno tapas e sangria, proprio davanti alla Scuola di Musica dove prova il giovedì sera, per raccontarci quello che Shanghai ci aveva lasciato addosso. Abbiamo anticipato.

Un passo indietro: quando sono andata io al Consolato cinese per richiedere il Visa per la China sono stata rispedita a casa perché mancava una fotocopia, di cui nessuno mi aveva parlato.
Quando è andato lui, senza fotocopia, è capitato che la responsabile dei Visa, nel momento in cui se lo è trovato di fronte, senza ragione, abbia cominciato a canticchiare “Recondita armonia” da “Tosca” di Puccini. Al che, candidamente, il sorpreso Stig si è offerto di fare un duetto, dichiarandosi cantante lirico. Non sto a dirvi che la Sig.ra è una melomane. Non sto a dirvi che il buon Stig è venuto via dal Consolato con il Visa, e già per questo l’ho odiato, e con le mail dei direttori artistici dei teatri di Shanghai, Pechino, Hong Kong. La Sig.ra è cresciuta in Cina. La Sig.ra ha lavorato per i teatri d’Opera. Succede solo a Stig.

Proprio mentre lui e socio erano alla consegna bagagli per prendere il volo di ritorno a Pudong, gli arriva la chiamata. C’è un concerto di gala fuori cartellone, in omaggio a Bernstein, e il tenore che avrebbe dovuto cantare Maria da West Side Story è senza voce. Stig aveva inviato in allegato alle mail di presentazione due brani, di cui uno era Maria. Il destino esiste.
Ero appena uscita da un locale nella French Concession quando mi ha chiamato:

- Houston abbiamo un problema. Hong Kong. Domani. Concerto. Panico. Socio partito. Albergo pagato dal teatro. Volo a carico. Tra 6 ore.

Sei ore dopo ero anche io su quel volo. Questa volta ho fatto io la Stig. Ho sempre sognato di visitare Hong Kong.

- Hai fatto un’ottima performance, considerando le circostanze è andata decisamente bene.

- Sì, sono abbastanza soddisfatto. Il brano l’ho studiato la scorsa estate, giusto per ampliare il mio repertorio, per poi accantonarlo perché fra tre giorni ho Boheme, appena atterrato in Italia. La difficoltà maggiore di Maria non è tanto tecnica, che comunque c’è, specie nel ritmo tutt’altro che lineare, ma piuttosto interpretativa. Il personaggio incontra l’amore, l’Amore grande, vero, puro. E niente è più uguale a prima, tutto cambia: i nomi, i colori, i suoni…Maria…Maria…Maria… Say it loud and there's music playing, Say it soft and it's almost like praying…Non è forse l’amore perduto con l’innocenza e che tutti affannosamente e senza più sperarci vorremmo incontrare? E’ l’amore che
credevo…credevo…

- …Credevi?

- Niente. Ti piace l’orzo?

Meglio non insistere. Quella venatura amara è tornata nei suoi occhi verdi.

- Al direttore sei piaciuto?

- Spero di sì, mi hanno detto che ci sono delle audizioni ad Agosto a Singapore per una nuova produzione…chissà…visto che sarò lì…

- Questa è una bella notizia.

- Ma parliamo di cose serie: sai dove si trova questo albergo?

- Non ne ho idea.

- Wyndham Street…a 300 metri da qua c’è il negozio di Bothos, dove mi sono innamorato di quegli zaini fantastici che stavo per prendere all’andata…

- Sì, e mi ricordo che non lo hai fatto perchè...perchè lo zaino nero a sacca di Bonastre che hai visto da Luisa Via Roma ti ha fatto innamorare.

- Sì, peccato per il prezzo, molto meno amorevole...Anche se si sa che l’esclusività si paga...Però anche questi sono molto particolari, pelle e tessuto, e on line quelli che piacciono a me sono esauriti...li trovi solo se restano in negozio, e qui c'è  l’unico store esistente al mondo. A trecento metri da qui...

Avrà saputo resistere alla tentazione? Il negozio apriva alle 10.30 ed erano solo le 5.30...

Era un’alba bellissima, che rifletteva i raggi dorati di un pallido sole sulle vetrate dell’HSBC building. In quest’angolo d’oriente, così caotico, così stimolante, puoi passeggiare nel primo mattino per i marciapiedi sopraelevati, avendo l’impressione di trovarti a Londra nell’ora di punta.

Ma questa è un’altra storia. Alla prossima avventura...

xx

C







Thursday, 28 April 2016

The mask edit



When it comes to skin care, face masks are definitely one of my favourite items and I really enjoy trying and discovering new ones! So today I want to share with you a selection of some I tried quite recently and some old favourites of mine.

GlamGlow Super-mud clearing treatment: This is definitely a staple in my stash. It's a mud mask that has a gritty texture but it's not too harsh on the skin. It's great to unclog pores and clear your skin without stripping it. If I feel like my skin is irritated I just use it on certain areas (like nose, chin and forehead).

Caudalie Purifying mask: I think I'm on my third tube and this mask is a must in my skin care routine. It's extremely gentle and clears the skin without irritating it or stripping it. You can use it twice a week and you can really see a difference and it's great to calm irritated, spotty skin.

La Roche-Posay Hydraphase Intense mask: This is great if your skin need that extra bit of moisture. It's clear, very hydrating and portable so it's amazing to use on long flights or when you're traveling.

Boscia Luminizing black mask: I pick this up when I was in Shanghai and I'll be sad when it's gone. It's a thick, black, peel-off mask. Great to minimize pores, remove impurities and make your skin more radiant. 

Peter Thomas Roth mini masks: This mini set of three masks is great to test the brand out and my favourite is definitely the  Pumpkin Enzyme Mask. It smells great and has a grainy texture that is not too harsh on the skin but it cleanse and brightens it. The Cucumber Gel Mask is perfect for the warmer months, it's refreshing and de-puffing while the Rose Stem Cell mask has a nice jelly texture and hydrates, firm and plump the skin.

Talking about sheet masks my favourites are the ones from When. They have a almost gel-like feel and they really are a quick fix after a night out or a long flight. Next time I get the chance I'll be sure to stock up on them. Next I have Innisfree masks, for the price they're very nice but in store they don't have any other writing than Korean on the packaging so it's quite hard to figure out what you're getting so I recommend you to look them up online. The ones I got are Hyaluronic acid one and clarifyng one both really nice. Even though I don't have the packaging left to show you (but you can see it here) I tried the Rice mask from Tony Moly. I love the brand and this mask is supposed to brightens and tightens your skin and it did a really nice job on mine, plus is very gentle which is always a bonus.

There you have my round up on masks guys! I hope you liked it and let me know your favourite so I can try them out!!

xx

C



In tema di skin care le maschere per il viso sono una delle cose che preferisco, un vero rituale di bellezza e mi piace moltissimo provarne di nuove! Quindi oggi ho deciso di mostrarvi una selezione di alcune delle mie maschere preferite, insieme ad altre che ho avuto l'occasione di testare recentemente.
GlamGlow Super-mud clearing treatment: Un vero must tra i miei prodotti per il viso. Si tratta di una maschera al fango che ha una texture granulosa ma che non è eccessivamente aggressiva. Perfetta per liberare i pori e rendere la pelle pulita, senza privarla della sua idratazione. Se ho qualche zona del viso particolarmente irritata, tendo a schivarla e applicare la maschera concentrandola su altre parti (di solito naso, mento e fronte).

Caudalie Purifying mask: Molto probabilmente, questa è la mia terza confezione e non vi nascondo che è una delle mie maschere preferite di sempre. Delicatissima sulla pelle, purifica e aiuta a lenire le irritazioni. Può essere usuata fino a due volte la settimana e vi assicuro che vedrete la differenza. 

La Roche-Posay Hydraphase Intense mask: Ottima se avete bisogno di idratazione. È una maschera trasparente, davvero comoda da portare in viaggio e da usare sull'aereo per mantenere il giusto livello di idrazione. 

Boscia Luminizing black mask: L'ho presa mentre ero a Shanghai e confesso che una volta finita, mi macherà. È una maschera nera, dalla consistenza pastosa, da applicare in uno strato spesso e quando si secca viene via tutta insieme come una pellicola. Riduce l'aspetto dei pori, purifica la pelle e la rende più luminosa.

Peter Thomas Roth mini masks: Questo mini set di maschere è perfetto se volete conoscere il marchio. La mia preferita è senza dubbio la Pumpkin Enzyme Mask. Ha un profumo buonissimo e una consistenza granulosa che rimuove le impurità, senza essere aggressiva e rendendo la pelle radiosa. La Cucumber Gel Mask è perfetta da usare quando fa caldo, proprio per la sua formula in gel, sgonfia e rinfresca il viso. Mentre la Rose Stem Cell mask, dalla consistenza in gel, idrata, rassoda e rimpolpa la pelle, davvero un ottimo prodotto.

Ma parliamo delle maschere in tessuto, di gran moda al momento, le mie preferite sono decisamente quelle di When. Hanno una texture che sembra quasi un gel e sono molto piacevoli da utilizzare, perfette per minimizzare i danni di una notte brava o di un lungo volo. La prossima volta che mi capita l'occasione sicuramente ne farò scorta. Poi abbiamo le maschere di Innisfree, ottimo prezzo e buona resa, l'unico neo è che in negozio, tutte le scritte sulla confezione sono in Coreano, quindi non è semplicissimo capire quale  sia la loro funzione per questo motivo vi consiglio di dare un'occhiata al loro sito prima. Ne ho provati due tipi, una all'acido Ialuronico e un'altra mirata a rimuovere le cellule morte della pelle e migliorarne l'aspetto, mi sono trovata bene con entrambe. Per finire, anche se non ho più la confezione da mostrarvi (ma potete vederla qui) ho provato la  Rice mask di Tony Moly. Adoro questo marchio e la maschera in questione promette una pelle più luminosa e compatta. Devo dire che concordo sul risultato e spero di avere occasione di provarne altre. Inoltre è davvero delicata, cosa che è sempre un valore aggiunto.

E questo è tutto ragazzi! Spero che il post vi sia piaciuto e fatemi sapere quali sono le vostre maschere preferite, sono curiosa di provarle!


xx

C




Friday, 22 April 2016

Noir in fake Shanghai (ft. Singapore)


Note to the reader: Another chapter of my Shanghai stories!! At this point I don't even need to tell you but for those of you who are new to my blog: the drink of choice this time is a Gin Tonic, so play the song and enjoy ;)

Nota per il lettore: Un altro capitolo delle mie Shanghai stories!! A questo punto non c'è nemmeno bisogno che ve lo dica...ma per quelli di voi che sono nuovi sul mio blog: il drink consigliato è un Gin Tonic poi fate partire la canzone e buona lettura ;)



- We’re not going to get away with this Stig. They're going to kill us.
- Chill. I know what I’m doing.
- I might be wrong but I feel like this time you took it a little too far.

Stig is not answering, maybe he hasn't even heard me. It’s too concentrated trying to understand what’s going on.
We are in a small space, looks like a boiler room, barely illuminated by an old, dusty, yellow light dangling from the ceiling. We hear a knock from behind the walls. The two Chinese guys in front of us nod to each other and one of them bend to open a small wooden cabinet door. I see an arm coming out, handing out a black bag to one of the guys. The smell of mould is so strong I can feel it in my nose and I’m shivering.
- That’s our stuff. Said Stig.

I feel a knot in my throat. What a stupid way to die, in a boiler room in the middle of Shanghai. I think it’s unfair. It’s all Stig’s fault. Just a few hours before I was in taxi, dying …of laughter.
Just outside the Mint (remember?) in the middle of the street we met this lady, around 45, talking nonsense in a language which was a mix of English and German. She couldn’t remember where her hotel was and she was trying to find someone to share a cab with because she didn’t have enough money. Stig and his partner, as the true gentlemen they are, kindly offered to bring her back safe and sound. In the taxi she told us her name was Anna and let me tell you that was a pretty long ride, since the drunk lady was undecided between three different hotels. She was a hostess for KLM, she was on a three days break in between flights. She spoke a little bit of Italian and she loved Celentano. Yep, a German hostess in Shanghai started singing out loud Prisencolinensinainciusol like a real fan girl. At the fourth time the Chinese taxi driver joined us singing the choirs: PARARA’!PAPARAPA PA RA PAPA’! Singing Celentano out loud in a taxi…only in Shanghai.

We left Anna, fresh like a rose drown in Gin, in front of the building she believed was her hotel. Hopefully. But before getting off she just threw herself at Stig, caught unprepared for once, squishing him against the taxi window. 
- Beautiful baby green eyes, if you give me your business card I’ll call you tomorrow and I’ll introduce you to my colleagues. They are younger than me…
We saw her crawl out of the taxi and disappear in the hall. To this day Stig never said if he ended up meeting those KLM hostesses but judging from his witty look I bet he definitely did.

After a few hours, early afternoon, we went to one the famous Shanghai fake markets. I can’t really stand knock offs but Stig kept saying a place like that was a must see and it would be fun to browse the best place in town where you can learn everything about negotiation.
Once we got in I was astonished: it wasn't a shop, it was more like a mall…a fake mall.
The ground floor is all about travel cases, every size and color mainly Samsonite, MCM and Rimowa, some of them are so well made you really need to look close up to spot the difference with the real deal. On the second floor there's clothing: Belstaff, Polo, Diesel, Chanel…every popular
brand you can immagine, on display on lousy mannequins and sold at insanely cheap prices…
But the good stuff is on the third floor: glasses, sunglasses and watches all fake of course.. You can get a designer frame with prescription lenses for something like 40 euros. In less then an hour your glasses are ready and you can leave the market with you fab pair of (fake) Tom Fords. Some stalls are cheaper then others but the quality drops dangerously.
Here and there you can spot paper notices stuck on the wall, advising you that is strictly forbidden to buy fake merchandise sold inside of the market…if they say so…
I found Stig checking some watches at the “Original Pagnerai” stall. The smug vendor tries to close the deal offering a very good price. Stig stays calm and told the man the quality is not the best and when copying they should at least try to get the name of the brand right.
We’re about to leave when the man tell Stig to follow him to show him some more watches. “Great quality” he assures.
Oh damn curiosity…Stig cannot resist. We follow the chinese guy down a hallway and get to the lift. Inside we found another guy, I assume he's the partner of he first one. He unlocks the access to the 5th floor and press the button. The more we go up the more I get nervous.
When we get off the lift I found myself in a very different place: lots of hallways and closed doors. No stalls, no windows, no vendors, no nothing.
We follow them and I can hear the echo of our steps down the hallway. We stop in front of one of the doors. They open it and we enter what looks like a boiler room.
No sounds, no one around and I’m not sure if it’s a good or a bad thing. At this point I’m pretty sure we’re going to get robbed.

...So we’re back to the hand holding the black bag, very Addams family style. One of the men opens it: Rolex, Panerai, Tag, Piguet and they all look pretty good quality…in the darkness of the room. Stig starts an intense negotiation for one of the Rolex.
- Stig you don’t even wear watches…
- I know but at this point I need to negotiate for a while. It would be disrespectful to leave straight away. Given our position I wouldn’t mess with them.
- Great! Now I’m definitely feeling better.
Stig say he found the watch he likes. Price 3.500,00 RMB that quickly drops to 1.100,00. He doesn’t want the steel wristband but the one in crocodile. The guy said it can be done but he needs to get it somewhere.
He tell us to come back in an hour go to Chen glass shop and ask for Yong Lu. He wants some money in advance but Stig is firm: cash on the barrel. Deal.
When we finally get out of the building in the blinding light of the day, once again I ask myself if it was just a dream. At this point it’s a given for me in this city.
- You didn’t buy anything in the end. I’m impressed!
- To be honest I came here for the fun of the negotiation, to see how farI can get. I didn’t really need anything.
- I don’t think there’s another place like this in the whole, wide world.
- Well actually there is! I heard there’s a nice market in Singapore. The first time I went there I didn’t have time but I’m going back there next august and for a longer period of time so…
- You and your partner never stop uh?!
- We like it this way and there’s this restaurant in Kallang Road next to our hotel where they do the best Chili Crab in town, it was there that I fell in love with…but I’ll tell you about this another time.
Yes, enough for today. I’m pretty happy I made it out of the Fake Market alive…this time.

Shanghai Fake Market - 580 West Nanjing Road
 
xx
C


- Forse questa volta ci fanno la festa Stig. Potremmo non uscirne vivi.
- Tranquilla. So quello che faccio.
- Spero di sbagliarmi ma ho paura che questa volta tu abbia sfidato troppo la sorte.

Stig non risponde, forse non mi ha neppure sentito. È troppo preso a cercare di comprendere cosa stia accadendo di preciso.
Siamo nella penombra di un piccolo stanzino, forse il locale caldaia, appena illuminato dalla luce giallastra di una vecchia e flebile lampadina che penzola polverosa dal soffitto. Da dietro una delle pareti sentiamo bussare . I due cinesi davanti a noi si danno un cenno di assenso con lo sguardo, poi uno di loro si china in basso e apre con una chiave uno sportellino di legno. Da questo spunta un braccio che porge un sacco nero al suo interlocutore. L’odore di muffa mi è entrato sotto i vestiti e aumenta i brividi lungo il corpo.
- Ecco la roba – mi fa Stig.

Mi sento un enorme groppo in gola. Penso che sarà una morte stupida, la mia, in un locale caldaia in un palazzo nel cuore di Shangai. Penso che sia una cosa profondamente ingiusta. Ed è tutta colpa di Stig. E penso che qualche ora fa ero su un taxi a morire sì, ma dal ridere.
Usciti dal Mint (ricordate?) avevamo incontrato in mezzo alla strada una Sig.ra sui 45 che farneticava, un po' in inglese e un po' in tedesco, di non ricordare dove fosse il suo albergo e cercava qualcuno con cui dividere il taxi perché aveva finito i soldi. Stig e socio, ultimi baluardi della cavalleria in terra orientale, si erano fatti carico di riportarla sana e salva all'hotel. Durante il tragitto, non breve visto che l’ubriacona era indecisa tra tre diversi nomi d’albergo, venne fuori che Anna, questo il suo nome, era una hostess di KLM ed era in pausa per 3 giorni tra un volo e l'altro. Parlava anche un po' di italiano e adorava Celetano. Sì, la hostess tedesca in trasferta a Shangai si era messa a cantare Prisencolinensinainciusol come solo una fan della prima ora sa fare. Pure il taxista cinese alla quarta volta che cantava lo stesso pezzo si era messo a fare i cori assieme a noi: PARARA’! PAPARAPA PA RAPAPA’! Un taxi nella notte di Shangai che urla al cielo un pezzo di Celentano…può succedere solo a Shangai.
Abbandonammo Anna, fresca come una rosa annegata nel gin, davanti a quello che aveva riconosciuto come il suo albergo. Probabilmente. Prima di scendere dal taxi si avventò su Stig, con lei sul sedile posteriore, e lui, una volta tanto preso alla sprovvista, sgranò gli occhi mentre lei col suo peso lo schiacciava al 
finestrino.
 - Beautiful baby green eyes, if you give me your business card I’ll call you tomorrow and I’ll introduce you to my collegues. They are younger than me…

La vedemmo rotolare dal taxi con classe ed eleganza e sparire dentro la hall. Ancora oggi Stig ha la bocca cucita sulla questione e non ha mai confermato o negato se l’appuntamento domenicale con le hostess della KLM ci sia stato veramente. Ma i suoi occhi sembrano lasciare intendere che ci sia stato e si sia divertito molto.
Fatto sta che poche ore dopo, nel primo pomeriggio, andiamo in uno dei famosi fake market di Shangai. Io, per natura, non sopporto la roba contraffatta, ma Stig insisteva nel dire che un posto del genere era troppo divertente a prescindere, perché è la più grande palestra mondiale della contrattazione.
Una volta entrata rimango basita: non è un negozio, è un intero centro commerciale del falso.
Al piano terra la valigeria: trolley di tutti i colori e le misure, per lo più Samsonite, MCM e Rimowa, fatti in alcuni casi talmente bene da richiedere più occhiate per trovare le differenze dalle originali. Al secondo abbigliamento: Belstaff, Polo, Diesel, Chanel…tutti i marchi più in voga a prezzi di cenci, accanto a cenci veri su manichini che, nella loro ottica, dovrebbero essere esempio di eleganza…
Il bello però è al terzo piano: orologi e occhiali di tutte le marche conosciute, rigorosamente fake. Montatura e lenti graduate vendute a poco meno di 40 euro. In meno di un’ora le lenti sono pronte e puoi uscire con il tuo Tom Ford vero fake. Alcuni negozi fanno prezzi ancora più bassi, sui venti, ma hanno l’aria di potersi rompere da un momento all’altro con il solo sguardo.
Qua e là, sulle pareti, sono affissi cartelloni della Polizia locale che avverte che è severamente vietato acquistare e vendere materiale contraffatto all’interno del centro commerciale…Se lo dicono loro…

Trovo Stig che sta curiosando tra gli orologi sotto il cartello “Original Pagnerai”. L’attento venditore cinese lo incalza, promette ottimi prezzi. Stig non si scompone, osserva serio chi gli parla e risponde che la qualità è bassa e dovrebbero fare più attenzione almeno nel copiare il nome del marchio.
Mentre stiamo per uscire veniamo rincorsi dal tipo di prima. Dice a Stig di seguirlo, che ci sono orologi che vuole fargli vedere. “Perfect quality” ripete come un mantra.
Si sa: la curiosità è femmina. E in questo Stig è la più femmina di tutte. Seguiamo il cinese per un corridoio laterale al pianterreno fino all’ascensore. Dentro troviamo un secondo cinese, socio evidentemente del primo, che schiaccia il tasto 5 sulla pulsantiera, dopo avere girato la chiave per sbloccare la selezione. Incomincio a preoccuparmi. Sempre di più man mano che i piani aumentano.
Aperte le porte dell’ascensore mi trovo in un ambiente diverso dagli altri. Ci sono solo corridoi e porte chiuse. Niente banchi, niente vetrine, niente venditori. Seguiamo i due. I nostri passi risuonano secchi e rumorosi lungo gli ambienti vuoti che percorriamo. Arriviamo ad una porta uguale alle altre. La aprono e ci troviamo nell’ombra di quello che sembra essere un locale caldaie.
Non ci sono rumori. Non avverto la presenza di alcuno nel raggio di 100 metri. E non so se sia una buona o una cattiva cosa. Sono piuttosto certa verremo derubati, quanto meno.

Ed eccoci alla mano, in stile famiglia Addams, che porge la borsa nera. Uno dei cinesi l’apre: dentro ci sono Rolex, Panerai, Tag, Piguet che, apparentemente, al buio della stanza, sono di ottima qualità. Stig incomincia a contrattare furiosamente con i due per il prezzo di un Rolex.
- Stig, ma tu non porti orologi…
- Sì lo so, ma ora che siamo qui devo almeno contrattare per un po’. Sarebbe offensivo per loro volere andare via subito. E, visto dove siamo, non mi sembra il caso di farli arrabbiare.
- Ecco, ora sono molto più serena.
Con un colpo da maestro Stig dice di avere individuato il modello che gli piace. 

Prezzo 3.500 RMB che calano velocemente a 1.100. Però, ed è la nostra via di fuga, non lo vuole con il braccialetto in acciaio, lo vuole in pelle di coccodrillo. Il cinese dice che si può fare ma deve dargli il tempo di recuperarlo. Ci dice quindi di tornare tra 1 ora da Chen, il negozio di occhiali, e di chiedere di Yonglu. Vorrebbe un anticipo ma Stig è granitico: prima vedere cammello poi dare denaro. Affare fatto.
Quando ci ritroviamo fuori, con la luce del giorno che martella le pupille, mi viene il dubbio, ed ormai è una costante da quando sono a Shangai, di essermi sognata tutto.
- Sei riuscito a non comprare nulla, mi stupisco di te.
- In realtà qui ci vengo perché mi diverte contrattare con i venditori, vedere fino a dove si può spingere una trattativa. Ma non avevo bisogno di nulla.
- Non credo esista un posto uguale al mondo.
- In realtà pare che ce ne sia uno molto interessante di elettronica nel quartiere cinese di Singapore. La prima volta che ci sono stato non ho avuto abbastanza tempo per andarci ma a metà agosto devo tornarci, e questa volta per diversi giorni…
- Ma tu e il tuo socio non vi fermate mai?
- Siamo fatti così, e poi c’è questo posto in Kallang Road accanto all’albergo, dove fanno i Granchi al chili più buoni che abbia mai mangiato, ed è lì che mi sono innamorato, quando ho incontrato…Ma è meglio parlartene un’altra volta.

Sì, per oggi basta così. Mi basta avere portato la pelle fuori dal Fake Market. Per questa volta.

Shanghai Fake Market - 580 West Nanjing Road

xx
C


Photo source: Google Immages
 

Wednesday, 20 April 2016

Kerrie Hess for Ladurée

 


Who doesn't love Ladurée? Well I certainly do and I love to collect their little Ladurée boxes and keep them on display in my room. So when I heard the brand is coming out with a new design in collaboration with Kerrie Hess I was very excited! Kerrie Hess is an extremely talented (and well known) Australian illustrator, her works had been featured in Vogue, Harper's Bazaar, Talter to mention a few and she collaborated with brands such as Chanel, Louis Vuitton, Kate Spade. Basically I'm pretty sure you have seen her works somewhere. I adore the fresh, springy, pastel colors she used to illustrate these limited edition Ladurée boxes and I can't wait to grab them all!! The collection will be available in Ladurée stores by the end of April. Do you like it? Which one is your favourite?
 
-
 
Chi non adora le scatoline colorate di Ladurée? Un vero sogno per i golosi e per chi, come me, apprezza l'estetica e la cura dei dettagli. In camera mia ho una vera propria collezione di queste famose scatoline, specialmente le edizioni limitate che sono sempre bellissime. Potrete quindi immaginare la mia felicità quando ho saputo che Kerrie Hess avrebbe collaborato con il marchio. Per chi non lo sapesse, Kerrie Hess è una famosissima e talentuosa illustratrice Australiana le cui illustrazioni sono apparse su riviste come Vogue, Harper's Bazaar e Talter (per citarne alcuni) e ha collaborato con marchi prestigiosissimi, quali Chanel, Louis Vuitton, Kate Spade e via dicendo. Insomma sono sicura che avrete visto le sue illustrazioni da qualche parte! Adoro i colori pastello e lo stile fresco e primaverile che ha scelto per illustrate le scatoline di Ladurée! Saranno disponibili nei negozi Ladurée alla fine di Aprile! Io non vedo l'ora di prenderle tutte e voi? Qual è la vostra preferita?
 
xx
 
C