Noir in fake Shanghai (ft. Singapore)


Note to the reader: Another chapter of my Shanghai stories!! At this point I don't even need to tell you but for those of you who are new to my blog: the drink of choice this time is a Gin Tonic, so play the song and enjoy ;)

Nota per il lettore: Un altro capitolo delle mie Shanghai stories!! A questo punto non c'è nemmeno bisogno che ve lo dica...ma per quelli di voi che sono nuovi sul mio blog: il drink consigliato è un Gin Tonic poi fate partire la canzone e buona lettura ;)



- We’re not going to get away with this Stig. They're going to kill us.
- Chill. I know what I’m doing.
- I might be wrong but I feel like this time you took it a little too far.

Stig is not answering, maybe he hasn't even heard me. It’s too concentrated trying to understand what’s going on.
We are in a small space, looks like a boiler room, barely illuminated by an old, dusty, yellow light dangling from the ceiling. We hear a knock from behind the walls. The two Chinese guys in front of us nod to each other and one of them bend to open a small wooden cabinet door. I see an arm coming out, handing out a black bag to one of the guys. The smell of mould is so strong I can feel it in my nose and I’m shivering.
- That’s our stuff. Said Stig.

I feel a knot in my throat. What a stupid way to die, in a boiler room in the middle of Shanghai. I think it’s unfair. It’s all Stig’s fault. Just a few hours before I was in taxi, dying …of laughter.
Just outside the Mint (remember?) in the middle of the street we met this lady, around 45, talking nonsense in a language which was a mix of English and German. She couldn’t remember where her hotel was and she was trying to find someone to share a cab with because she didn’t have enough money. Stig and his partner, as the true gentlemen they are, kindly offered to bring her back safe and sound. In the taxi she told us her name was Anna and let me tell you that was a pretty long ride, since the drunk lady was undecided between three different hotels. She was a hostess for KLM, she was on a three days break in between flights. She spoke a little bit of Italian and she loved Celentano. Yep, a German hostess in Shanghai started singing out loud Prisencolinensinainciusol like a real fan girl. At the fourth time the Chinese taxi driver joined us singing the choirs: PARARA’!PAPARAPA PA RA PAPA’! Singing Celentano out loud in a taxi…only in Shanghai.

We left Anna, fresh like a rose drown in Gin, in front of the building she believed was her hotel. Hopefully. But before getting off she just threw herself at Stig, caught unprepared for once, squishing him against the taxi window. 
- Beautiful baby green eyes, if you give me your business card I’ll call you tomorrow and I’ll introduce you to my colleagues. They are younger than me…
We saw her crawl out of the taxi and disappear in the hall. To this day Stig never said if he ended up meeting those KLM hostesses but judging from his witty look I bet he definitely did.

After a few hours, early afternoon, we went to one the famous Shanghai fake markets. I can’t really stand knock offs but Stig kept saying a place like that was a must see and it would be fun to browse the best place in town where you can learn everything about negotiation.
Once we got in I was astonished: it wasn't a shop, it was more like a mall…a fake mall.
The ground floor is all about travel cases, every size and color mainly Samsonite, MCM and Rimowa, some of them are so well made you really need to look close up to spot the difference with the real deal. On the second floor there's clothing: Belstaff, Polo, Diesel, Chanel…every popular
brand you can immagine, on display on lousy mannequins and sold at insanely cheap prices…
But the good stuff is on the third floor: glasses, sunglasses and watches all fake of course.. You can get a designer frame with prescription lenses for something like 40 euros. In less then an hour your glasses are ready and you can leave the market with you fab pair of (fake) Tom Fords. Some stalls are cheaper then others but the quality drops dangerously.
Here and there you can spot paper notices stuck on the wall, advising you that is strictly forbidden to buy fake merchandise sold inside of the market…if they say so…
I found Stig checking some watches at the “Original Pagnerai” stall. The smug vendor tries to close the deal offering a very good price. Stig stays calm and told the man the quality is not the best and when copying they should at least try to get the name of the brand right.
We’re about to leave when the man tell Stig to follow him to show him some more watches. “Great quality” he assures.
Oh damn curiosity…Stig cannot resist. We follow the chinese guy down a hallway and get to the lift. Inside we found another guy, I assume he's the partner of he first one. He unlocks the access to the 5th floor and press the button. The more we go up the more I get nervous.
When we get off the lift I found myself in a very different place: lots of hallways and closed doors. No stalls, no windows, no vendors, no nothing.
We follow them and I can hear the echo of our steps down the hallway. We stop in front of one of the doors. They open it and we enter what looks like a boiler room.
No sounds, no one around and I’m not sure if it’s a good or a bad thing. At this point I’m pretty sure we’re going to get robbed.

...So we’re back to the hand holding the black bag, very Addams family style. One of the men opens it: Rolex, Panerai, Tag, Piguet and they all look pretty good quality…in the darkness of the room. Stig starts an intense negotiation for one of the Rolex.
- Stig you don’t even wear watches…
- I know but at this point I need to negotiate for a while. It would be disrespectful to leave straight away. Given our position I wouldn’t mess with them.
- Great! Now I’m definitely feeling better.
Stig say he found the watch he likes. Price 3.500,00 RMB that quickly drops to 1.100,00. He doesn’t want the steel wristband but the one in crocodile. The guy said it can be done but he needs to get it somewhere.
He tell us to come back in an hour go to Chen glass shop and ask for Yong Lu. He wants some money in advance but Stig is firm: cash on the barrel. Deal.
When we finally get out of the building in the blinding light of the day, once again I ask myself if it was just a dream. At this point it’s a given for me in this city.
- You didn’t buy anything in the end. I’m impressed!
- To be honest I came here for the fun of the negotiation, to see how farI can get. I didn’t really need anything.
- I don’t think there’s another place like this in the whole, wide world.
- Well actually there is! I heard there’s a nice market in Singapore. The first time I went there I didn’t have time but I’m going back there next august and for a longer period of time so…
- You and your partner never stop uh?!
- We like it this way and there’s this restaurant in Kallang Road next to our hotel where they do the best Chili Crab in town, it was there that I fell in love with…but I’ll tell you about this another time.
Yes, enough for today. I’m pretty happy I made it out of the Fake Market alive…this time.

Shanghai Fake Market - 580 West Nanjing Road
 
xx
C


- Forse questa volta ci fanno la festa Stig. Potremmo non uscirne vivi.
- Tranquilla. So quello che faccio.
- Spero di sbagliarmi ma ho paura che questa volta tu abbia sfidato troppo la sorte.

Stig non risponde, forse non mi ha neppure sentito. È troppo preso a cercare di comprendere cosa stia accadendo di preciso.
Siamo nella penombra di un piccolo stanzino, forse il locale caldaia, appena illuminato dalla luce giallastra di una vecchia e flebile lampadina che penzola polverosa dal soffitto. Da dietro una delle pareti sentiamo bussare . I due cinesi davanti a noi si danno un cenno di assenso con lo sguardo, poi uno di loro si china in basso e apre con una chiave uno sportellino di legno. Da questo spunta un braccio che porge un sacco nero al suo interlocutore. L’odore di muffa mi è entrato sotto i vestiti e aumenta i brividi lungo il corpo.
- Ecco la roba – mi fa Stig.

Mi sento un enorme groppo in gola. Penso che sarà una morte stupida, la mia, in un locale caldaia in un palazzo nel cuore di Shangai. Penso che sia una cosa profondamente ingiusta. Ed è tutta colpa di Stig. E penso che qualche ora fa ero su un taxi a morire sì, ma dal ridere.
Usciti dal Mint (ricordate?) avevamo incontrato in mezzo alla strada una Sig.ra sui 45 che farneticava, un po' in inglese e un po' in tedesco, di non ricordare dove fosse il suo albergo e cercava qualcuno con cui dividere il taxi perché aveva finito i soldi. Stig e socio, ultimi baluardi della cavalleria in terra orientale, si erano fatti carico di riportarla sana e salva all'hotel. Durante il tragitto, non breve visto che l’ubriacona era indecisa tra tre diversi nomi d’albergo, venne fuori che Anna, questo il suo nome, era una hostess di KLM ed era in pausa per 3 giorni tra un volo e l'altro. Parlava anche un po' di italiano e adorava Celetano. Sì, la hostess tedesca in trasferta a Shangai si era messa a cantare Prisencolinensinainciusol come solo una fan della prima ora sa fare. Pure il taxista cinese alla quarta volta che cantava lo stesso pezzo si era messo a fare i cori assieme a noi: PARARA’! PAPARAPA PA RAPAPA’! Un taxi nella notte di Shangai che urla al cielo un pezzo di Celentano…può succedere solo a Shangai.
Abbandonammo Anna, fresca come una rosa annegata nel gin, davanti a quello che aveva riconosciuto come il suo albergo. Probabilmente. Prima di scendere dal taxi si avventò su Stig, con lei sul sedile posteriore, e lui, una volta tanto preso alla sprovvista, sgranò gli occhi mentre lei col suo peso lo schiacciava al 
finestrino.
 - Beautiful baby green eyes, if you give me your business card I’ll call you tomorrow and I’ll introduce you to my collegues. They are younger than me…

La vedemmo rotolare dal taxi con classe ed eleganza e sparire dentro la hall. Ancora oggi Stig ha la bocca cucita sulla questione e non ha mai confermato o negato se l’appuntamento domenicale con le hostess della KLM ci sia stato veramente. Ma i suoi occhi sembrano lasciare intendere che ci sia stato e si sia divertito molto.
Fatto sta che poche ore dopo, nel primo pomeriggio, andiamo in uno dei famosi fake market di Shangai. Io, per natura, non sopporto la roba contraffatta, ma Stig insisteva nel dire che un posto del genere era troppo divertente a prescindere, perché è la più grande palestra mondiale della contrattazione.
Una volta entrata rimango basita: non è un negozio, è un intero centro commerciale del falso.
Al piano terra la valigeria: trolley di tutti i colori e le misure, per lo più Samsonite, MCM e Rimowa, fatti in alcuni casi talmente bene da richiedere più occhiate per trovare le differenze dalle originali. Al secondo abbigliamento: Belstaff, Polo, Diesel, Chanel…tutti i marchi più in voga a prezzi di cenci, accanto a cenci veri su manichini che, nella loro ottica, dovrebbero essere esempio di eleganza…
Il bello però è al terzo piano: orologi e occhiali di tutte le marche conosciute, rigorosamente fake. Montatura e lenti graduate vendute a poco meno di 40 euro. In meno di un’ora le lenti sono pronte e puoi uscire con il tuo Tom Ford vero fake. Alcuni negozi fanno prezzi ancora più bassi, sui venti, ma hanno l’aria di potersi rompere da un momento all’altro con il solo sguardo.
Qua e là, sulle pareti, sono affissi cartelloni della Polizia locale che avverte che è severamente vietato acquistare e vendere materiale contraffatto all’interno del centro commerciale…Se lo dicono loro…

Trovo Stig che sta curiosando tra gli orologi sotto il cartello “Original Pagnerai”. L’attento venditore cinese lo incalza, promette ottimi prezzi. Stig non si scompone, osserva serio chi gli parla e risponde che la qualità è bassa e dovrebbero fare più attenzione almeno nel copiare il nome del marchio.
Mentre stiamo per uscire veniamo rincorsi dal tipo di prima. Dice a Stig di seguirlo, che ci sono orologi che vuole fargli vedere. “Perfect quality” ripete come un mantra.
Si sa: la curiosità è femmina. E in questo Stig è la più femmina di tutte. Seguiamo il cinese per un corridoio laterale al pianterreno fino all’ascensore. Dentro troviamo un secondo cinese, socio evidentemente del primo, che schiaccia il tasto 5 sulla pulsantiera, dopo avere girato la chiave per sbloccare la selezione. Incomincio a preoccuparmi. Sempre di più man mano che i piani aumentano.
Aperte le porte dell’ascensore mi trovo in un ambiente diverso dagli altri. Ci sono solo corridoi e porte chiuse. Niente banchi, niente vetrine, niente venditori. Seguiamo i due. I nostri passi risuonano secchi e rumorosi lungo gli ambienti vuoti che percorriamo. Arriviamo ad una porta uguale alle altre. La aprono e ci troviamo nell’ombra di quello che sembra essere un locale caldaie.
Non ci sono rumori. Non avverto la presenza di alcuno nel raggio di 100 metri. E non so se sia una buona o una cattiva cosa. Sono piuttosto certa verremo derubati, quanto meno.

Ed eccoci alla mano, in stile famiglia Addams, che porge la borsa nera. Uno dei cinesi l’apre: dentro ci sono Rolex, Panerai, Tag, Piguet che, apparentemente, al buio della stanza, sono di ottima qualità. Stig incomincia a contrattare furiosamente con i due per il prezzo di un Rolex.
- Stig, ma tu non porti orologi…
- Sì lo so, ma ora che siamo qui devo almeno contrattare per un po’. Sarebbe offensivo per loro volere andare via subito. E, visto dove siamo, non mi sembra il caso di farli arrabbiare.
- Ecco, ora sono molto più serena.
Con un colpo da maestro Stig dice di avere individuato il modello che gli piace. 

Prezzo 3.500 RMB che calano velocemente a 1.100. Però, ed è la nostra via di fuga, non lo vuole con il braccialetto in acciaio, lo vuole in pelle di coccodrillo. Il cinese dice che si può fare ma deve dargli il tempo di recuperarlo. Ci dice quindi di tornare tra 1 ora da Chen, il negozio di occhiali, e di chiedere di Yonglu. Vorrebbe un anticipo ma Stig è granitico: prima vedere cammello poi dare denaro. Affare fatto.
Quando ci ritroviamo fuori, con la luce del giorno che martella le pupille, mi viene il dubbio, ed ormai è una costante da quando sono a Shangai, di essermi sognata tutto.
- Sei riuscito a non comprare nulla, mi stupisco di te.
- In realtà qui ci vengo perché mi diverte contrattare con i venditori, vedere fino a dove si può spingere una trattativa. Ma non avevo bisogno di nulla.
- Non credo esista un posto uguale al mondo.
- In realtà pare che ce ne sia uno molto interessante di elettronica nel quartiere cinese di Singapore. La prima volta che ci sono stato non ho avuto abbastanza tempo per andarci ma a metà agosto devo tornarci, e questa volta per diversi giorni…
- Ma tu e il tuo socio non vi fermate mai?
- Siamo fatti così, e poi c’è questo posto in Kallang Road accanto all’albergo, dove fanno i Granchi al chili più buoni che abbia mai mangiato, ed è lì che mi sono innamorato, quando ho incontrato…Ma è meglio parlartene un’altra volta.

Sì, per oggi basta così. Mi basta avere portato la pelle fuori dal Fake Market. Per questa volta.

Shanghai Fake Market - 580 West Nanjing Road

xx
C


Photo source: Google Immages
 

Labels: , , , , , , , , ,