East side stories Hong Kong and how to make the perfect orzo


 
Note to the reader: This time you'll find the recipe for the drink as soon as you star reading but   don't forget to play the music ;)
You can find the previous chapters here: Stormy Weather, Blue Moon, Noir in Fake Shanghai

Nota per il lettore: Questa volta troverete la ricetta per il drink all'interno del testo, ma non dimenticate di dare il via alla canzone ;) 
Trovate qui le puntate precedenti: Stormy Weather, Blue Moon, Noir in Fake Shanghai

 


- The secret to the perfect orzo is patience and temperature. Take a large cup, fill it with water and put it in the microwave for at least 4 minutes. When you take it out, the water should be boiling hot. Meanwhile take another cup, I recommend Pantone 186, my favorite kind of red, add two or three generous teaspoons of orzo, the organic kind, a teaspoon of honey and a pinch of cocoa powder. Pour the water slowly in the cup and stir frantically until it's all blended. If you've done a good job you'll see a nice foam on top. If you have a sore throat just add a drop of grappa or any hard liquor you can find in the mini bar.
 
- I don't get why you're talking about patience. It takes less than 5 minutes to make.
 
- 5 minutes to make, 20 to drink, unless you want to burn your mouth. Oh and there's one last ingredient: a nice chat in good company of your choice. There! Enjoy. A couple of butter cookies would be ideal but unfortunately I couldn't find any here in the hotel.



Sounds like a regular conversation with a friend. One of those nice chats you would have in your pajama watching Breakfast at Tiffany's for the millionth time, with your favorite Pantone mug in you hand.
 
But it's not.
 
It's 5 a.m. almost dawn. In a little while the first sun lights will make their way through the thick, eternal fog, lighting up the buildings on the Hong Kong coast. We just got back to the hotel after partying like crazy at Dragon-i one of the most popular clubs in town.
 
It's typical for Stig on a business trip. When he's home you can find him sleeping on the sofa at 10.30 p.m.. He says his critical hour is in between 10 p.m and 11.30 p.m. but this just happens on a national level. In fact when he crosses the ocean it's a whole new story: he never sleeps, he forget to eat and he (almost) lost that typical sadness in his eyes.
Anyhow no matter what, after a concert he has to have his hot orzo cup.
Even in Hong Kong where is crazy hot and humid. Very humid. Freaking humid. And hot.
 
We said goodbye with the promise to meet in Italy in front of the Music Academy where he rehearse every Thursday night, in that nice place when they make tapas and sangria, to talk about Shanghai and what this trip lefts us. We had to change plans.
 
But let's take a step back to when I went to get my Chinese Visa for the trip and they sent me back because there was some kind of stupid paper (no one ever told me about) missing. Of course when Stig went to get his, without the stupid paper of course, the appointee, out of the blue, started singing “Recondita armonia” from Puccini's “Tosca”. At that point Stig offered to join in for a duet, telling the lady he's an opera singer. Of course she loved Opera, she grew up in Shanghai and she worked for the major Opera houses all over China. I'm sure by this point you all have figured out that Stig came out of there not only with his Visa but with a long list of contacts of directors of the main theaters in Shanghai, Bejing, Hong Kong and of course I hated him for that. This kind of things just happens to Stig.
 
So he and his partner were at Pudong airport , handing their luggage in when he got a call. There was a non-scheduled concert in honor of Bernstein and the tenor who was supposed to sing Maria from West Side Story was out of voice. When sending out his presentation email Stig attached the demo of two songs and one of them was Maria. Destiny does exists.
I was just getting out of a club in the French Concession when he phoned me:

- Houston we have a problem. Hong Kong. Tomorrow. Concert. Panic. Business partner gone. Hotel is on the theatre. Flight is not. In 6 hours.
 
Six hours later I was on the flight. This time it was my turn to “be Stig”. I always dreamed about visiting Hong Kong.

- You're performance was great and given the circumstances it went smooth.
 
- Yes I'm quite pleased. I studied this piece last summer and then I have to leave it behind to prepare for Boheme, which I'll be performing in three days as soon as I land in Italy. Even though it has an uneven rhythm, what's difficult about Maria in not just the technique but the interpretation. The character finds love, true love, real love and nothing looks the same anymore: names, colors, sounds...Maria...Maria...Maria... Say it loud and there's music playing, Say it soft and it's almost like praying… Isn't the love we lost with innocence the one we all would like to find? It was the love I thought...I thought...
 
- ...You thought?

- Never mind. Do you like my orzo?
 
Better drop it. I can see that sad look back in his green eyes.
 
- Do you think the director liked you?
 
- I hope so, they told me there are some auditions in August in Singapore for a new production...since I'll be there...who knows...
 
- It's good news.

- Anyways let’s talk about something serious did you know that our hotel is next to a very exclusive place?
 
- Really?
 
- Wyndham Street…down this way there's a Bothos store. Is where I fell in love with their amazing backpacks. I almost got one on my way to Shanghai.

- Yes and I remember you didn't get it because...the Bonastre backpack you saw in Luisa Via Roma made your heart pound...

- Definitely. Too bad the price almost made it stop...but you know the price for those kind of things...I really like Bothos backpacks though, they're so edgy, soft leather, nice fabrics and the ones I fancy are always sold out online...you can only try to find them in store and there's only one store in the whole wide world...and it's down this street... 

Would he be able to resist the temptation? The store was opening at 10.30 a.m and it was just 5.30...
 
It was a beautiful dawn and the golden rays of the pale sun were reflecting on the windows of HSBC. In this little oriental corner, so chaotic yet so exciting, you can walk down the street so early in the morning feeling like you're in the busiest street of London.
But this is another story so...till next time.


xx

C
____________________________________________________________________________________


- Il segreto per fare un ottimo orzo sta nella pazienza e nella temperatura. Prendi una tazza molto grande, la riempi d’acqua e la infili nel microonde, per almeno 4 minuti. Quando la tiri fuori devi vederla bollire ben bene. Nel frattempo hai preso un’altra tazza, io consiglio una Pantone 186, il mio punto di rosso preferito, in cui hai messo due o tre abbondanti cucchiaini di orzo, quello biologico, un cucchiaino grondante di miele e un pizzico di cacao amaro in polvere. Alla fine ci versi l’acqua, lentamente, mentre freneticamente mescoli.
Capirai di avere fatto un buon orzo vedendo la cremina marrone che si forma in cima. Sei hai un po' di mal di gola aggiungi un goccio di grappa o altro super alcolico a piacere che trovi nel frigo bar.

- Perché dici che uno degli ingredienti è la pazienza? Ci vorranno al massimo 5 minuti per prepararlo.

- 5 minuti per prepararlo, 20 per berlo, a meno che tu non voglia ustionarti. E poi manca ancora l’ultimo ingrediente: due buone e rilassate chiacchiere in compagnia, a piacere. Ecco a te: buona degustazione. Un paio di biscottini al burro sarebbero la morte sua, ma, purtroppo, non sono riuscito a trovarli qua in albergo.



Sarebbe un dialogo normale tra amici. Sarebbe una di quelle chiacchiere rilassate da fare in pigiama. Sarebbe una serata da passare a vedere Colazione da Tiffany per la milionesima volta con la tazza Pantone in mano.

Sarebbe.

Ma sono le 5, è quasi l’alba. E tra poco i primi raggi di sole tenteranno di farsi strada nella fitta e perenne nebbia, illuminando i grattaceli sulla costa di Hong Kong. Siamo appena rientrati in hotel dopo avere festeggiato al Dragon-i, uno dei locali più frequentati della zona. È una tipica scena da Stig in trasferta. Quando è a casa in Italia puoi essere pressoché certa di trovarlo che dorme sul divano del suo studio già alle 22.30. Lui sostiene che il suo orario critico è tra le le 22.00 e le 23.30. Ma è una regola che vale solo nei confini nazionali. Quando attraversa l’Oceano non dorme, dimentica di magiare, perde quella venatura amara tipica del suo sguardo. Ma non rinuncia all’orzo bollente dopo un concerto. Anche qui ad Hong Kong, dove è dannatamente caldo e umido. Molto umido. Fottutamente umido. E caldo.
Ci eravamo lasciati con la promessa di rivederci in Italia per andare in un carinissimo locale dove fanno tapas e sangria, proprio davanti alla Scuola di Musica dove prova il giovedì sera, per raccontarci quello che Shanghai ci aveva lasciato addosso. Abbiamo anticipato.

Un passo indietro: quando sono andata io al Consolato cinese per richiedere il Visa per la China sono stata rispedita a casa perché mancava una fotocopia, di cui nessuno mi aveva parlato.
Quando è andato lui, senza fotocopia, è capitato che la responsabile dei Visa, nel momento in cui se lo è trovato di fronte, senza ragione, abbia cominciato a canticchiare “Recondita armonia” da “Tosca” di Puccini. Al che, candidamente, il sorpreso Stig si è offerto di fare un duetto, dichiarandosi cantante lirico. Non sto a dirvi che la Sig.ra è una melomane. Non sto a dirvi che il buon Stig è venuto via dal Consolato con il Visa, e già per questo l’ho odiato, e con le mail dei direttori artistici dei teatri di Shanghai, Pechino, Hong Kong. La Sig.ra è cresciuta in Cina. La Sig.ra ha lavorato per i teatri d’Opera. Succede solo a Stig.

Proprio mentre lui e socio erano alla consegna bagagli per prendere il volo di ritorno a Pudong, gli arriva la chiamata. C’è un concerto di gala fuori cartellone, in omaggio a Bernstein, e il tenore che avrebbe dovuto cantare Maria da West Side Story è senza voce. Stig aveva inviato in allegato alle mail di presentazione due brani, di cui uno era Maria. Il destino esiste.
Ero appena uscita da un locale nella French Concession quando mi ha chiamato:

- Houston abbiamo un problema. Hong Kong. Domani. Concerto. Panico. Socio partito. Albergo pagato dal teatro. Volo a carico. Tra 6 ore.

Sei ore dopo ero anche io su quel volo. Questa volta ho fatto io la Stig. Ho sempre sognato di visitare Hong Kong.

- Hai fatto un’ottima performance, considerando le circostanze è andata decisamente bene.

- Sì, sono abbastanza soddisfatto. Il brano l’ho studiato la scorsa estate, giusto per ampliare il mio repertorio, per poi accantonarlo perché fra tre giorni ho Boheme, appena atterrato in Italia. La difficoltà maggiore di Maria non è tanto tecnica, che comunque c’è, specie nel ritmo tutt’altro che lineare, ma piuttosto interpretativa. Il personaggio incontra l’amore, l’Amore grande, vero, puro. E niente è più uguale a prima, tutto cambia: i nomi, i colori, i suoni…Maria…Maria…Maria… Say it loud and there's music playing, Say it soft and it's almost like praying…Non è forse l’amore perduto con l’innocenza e che tutti affannosamente e senza più sperarci vorremmo incontrare? E’ l’amore che
credevo…credevo…

- …Credevi?

- Niente. Ti piace l’orzo?

Meglio non insistere. Quella venatura amara è tornata nei suoi occhi verdi.

- Al direttore sei piaciuto?

- Spero di sì, mi hanno detto che ci sono delle audizioni ad Agosto a Singapore per una nuova produzione…chissà…visto che sarò lì…

- Questa è una bella notizia.

- Ma parliamo di cose serie: sai dove si trova questo albergo?

- Non ne ho idea.

- Wyndham Street…a 300 metri da qua c’è il negozio di Bothos, dove mi sono innamorato di quegli zaini fantastici che stavo per prendere all’andata…

- Sì, e mi ricordo che non lo hai fatto perchè...perchè lo zaino nero a sacca di Bonastre che hai visto da Luisa Via Roma ti ha fatto innamorare.

- Sì, peccato per il prezzo, molto meno amorevole...Anche se si sa che l’esclusività si paga...Però anche questi sono molto particolari, pelle e tessuto, e on line quelli che piacciono a me sono esauriti...li trovi solo se restano in negozio, e qui c'è  l’unico store esistente al mondo. A trecento metri da qui...

Avrà saputo resistere alla tentazione? Il negozio apriva alle 10.30 ed erano solo le 5.30...

Era un’alba bellissima, che rifletteva i raggi dorati di un pallido sole sulle vetrate dell’HSBC building. In quest’angolo d’oriente, così caotico, così stimolante, puoi passeggiare nel primo mattino per i marciapiedi sopraelevati, avendo l’impressione di trovarti a Londra nell’ora di punta.

Ma questa è un’altra storia. Alla prossima avventura...

xx

C







Labels: , , , , , , , , , , , , , , , , ,