Blue Moon





Note to the reader: So here we are again...I know a little tight but...you know...are you ready for another chapter of my Shanghai stories? You know how it works...play the song, pour yourself a drink. This time I'll make it easy for you, I suggest a Cosmopolitan (here you can find the recipe).  Cheers!

Sometimes globalization rimes with homogenization. It’s a given with its ups and downs. Think about it, nowadays with Gps and mobiles we are always connected and we willingly gave away a little bit of thrill for comfort.
When I left for Shanghai I knew I was going to see super tall buildings, lights always on, the unbreathable air, those clubs just designed for us foreigners to enjoy. I knew the names, I saw the pictures on Google, I was ready.
Then on Friday Stig and his partner landed in Shanghai on their way back from Hong Kong. He took the weekend off before going back to his crazy work schedule and of course he wanted to get the best out of it. I met him at the Linx, the “it” club of the moment. Dark interiors, techno music pumping at insane volume, waiters hectically bringing champagne crates from one side to the other. I checked the label just to make sure, since there were so many bottles in front of me that I thought it was Fanta Lemon. Ok no, it was champagne.
I found Stig on the dance floor, trying to play cool surrounded by a group of models and in a second was in the middle of the room holding a glass of champagne. He was with a bunch of people so I said hello trying to get their names…impossible, the music was way too loud. Me on the dance floor of this club in Shanghai it all felt so…global…like something I could do at home, I wasn’t impressed.

After a while I saw Stig talking to his partner and then he told me: “Out of here in 15. Next stop Bar Rouge.”
Those two together are a strange couple: true gentlemen that can go crazy in a snap.
Bar Rouge: a huge terrace with red lights facing the Bund. The music is definitely nicer here, you can dance and the cocktails are quite nice. I don’t know how Sting and his partner get us in skipping the very long line and without paying of course.
I saw that place online, through the pictures and let me tell you that view if quite something. While I was still soaking in what I had in front of my eyes I heard a voice “In 15 we go to Mint. C’monnnn!”. I saw Stig with a Montecristo cigar in his hand. I was about to ask but I decided not to. Sometimes ignorance is the way to go.
Ok at that point things begun to get challenging, my Gianvito’s are pretty comfy…as comfy as a 5inch heel can be. I was not really into that crazy night anymore but complaining wasn't an option.
“We are friends of D.” Stig partner said to the long legged Kill-Bill-like girls outside the club, they have a list of those lucky ones who can get in. The Mint is a very exclusive club, it even won I don’t know what kind of World prize for that. I already spotted their hateful look and I started feeling a bit out of place.
“Who’s D.?” I asked
“He’s the boss”
“Do you know him well?”
“Never seen him in my life but he's friend of a friend…”
One day they’ll get caught and the bail to get them out will be insane.
When we finally got in I reluctantly had to admit that the club was really cool: dark as the others but definitely classier, with an edge, not tacky. My eyes start to wander and I saw a long corridor who led to the dance floor. The corridor was in fact an aquarium with real sharks in it. Ok I’m impressed now. So I was back on track surrounded by a mixture of exotic beauties from all over the World. I realized Sting & Co. are not behind me, last time I saw them they were chatting like old friends with two Australian girls, probably they’ve never met before.
It was almost 3am and the club was still packed when I felt someone grabbing my arm.
“You have to see the best part of the club” said Stig
“If you mean the bathroom, I already checked it out. Pretty awesome uh?!”
“Bathroom? I’ll use this again as a joke. Come on.”
On the opposite side of the entrance there was another room which is actually a pretty fancy restaurant. Now it was pitch black and I hold onto Stig’s arm in a desperate attempt not to bump into something.
Now I can see it, out of the blue a big window where you can see Shanghai skyline. Stig grabs a table so we can sit and admire this stunning view. We can hear the music, quite far away now and in that dark silence we both got lost in our thoughts.
“The night I first arrived in Shanghai they brought me here for dinner. The buildings were all illuminated. I was stunned. I was running away from a very deep pain who had been chasing me for a while and seeing all this in front of me give me the will to be amazed again, to be curious, to explore. The first smile after a very long time. Seeing it all again now, even though the lights are off gives me the same kind of emotion. This is what I love about this city: it can makes you feel like this even in a club when is the least thing you'd expect.”
“Are those ghosts gone now?” I tried to ask.
“No. But I found Shanghai again” he replied still looking outside with his face illuminated by the moon. Yes there was a full moon that night. Hit and sunk.
Things like this you can't really see on Google. Maybe nowadays the beauty of discovering a place is not just by visiting it but through the  feelings and experiences of those who lived those places before you did.
We stayed there in silence for a little more until we heard Stig partner screaming “In 15 minutes Zapata!!!”.
But we'll talk about that and the drunk hostess we found outside the Mint another time…

xx

C

-


Nota per il lettore: Rieccoci...lo so stavolta siamo un po' al limite con le tempistiche ma so che mi perdonerete. Siete pronti per un altro capitolo delle mie storie a Shanghai? Vi ricordate come funziona? Date il via alla canzone e versatevi un drink. Questa volta vi rendo le cose più facili, vi propongo un Cosmopolitan (qui trovate la ricetta). Buona lettura!


Spesso globalizzazione fa rima con omologazione. È un dato oggettivo, con i suoi vantaggi e i suoi svantaggi: i viaggi sono meno avventurosi, anche solo comparandoli a vent’anni fa ma, sapere che dovunque andrai un gps o una rete cellulare prendono, dà un senso di tranquillità per il quale cediamo volentieri un pizzico di brivido.
Perciò, quando sono partita, sapevo già che avrei visto grattaceli, fari di luce che bucano il cielo nella notte, che avrei trovato un’aria pesante da respirare, che sarei stata in certi locali, quelli che sembrano fatti apposta per venire in contro ai gusti occidentali. Conoscevo già i nomi, avevo già visto le foto su Google. Mi sentivo preparata. 

Poi venerdì è atterrato Stig, di ritorno da Hong Kong con il suo socio in affari. Aveva due giorni di pausa prima di riprendere il turbinio dei suoi impegni a Shanghai e il venerdì voleva divertirsi il più possibile. Lo raggiungo al Linx, locale che ultimamente va molto forte ed è frequentato anche da cinesi. Arredi scuri, musica tecno fortissima, casse di Champagne che vengono portate in teche trasparenti da una parte all’altra del locale in un turbinio di raggi laser verdi che fuoriescono dai cestelli di ghiaccio. Controllo bene l’etichetta perché la quantità di bottiglie aperte davanti ai miei occhi mi fa venire il dubbio che siano forse bottiglie di fanta lemon. No, è proprio champagne. 

Stig è già al centro, che ballonzola fingendo di non curarsi del gruppo di modelle vicino a lui. Due secondi di convenevoli e mi ritrovo anch’io al centro con un bicchiere in mano. Saluto con un cenno le persone che sono con loro e di cui non riuscirò mai a sentire il nome là dentro. Io, a Shanghai, al centro di una discoteca come se avessi attraversato l’oceano per fare ciò che potevo fare anche a casa: omologazione, pura omologazione.

Dopo poco Stig si consulta con il socio e mi fa: “Tra 15 minuti fuori. Si va al Bar Rouge.” Quei due messi insieme sono la strana coppia: gentiluomini di altri tempi che quando rimangono fuori si comportano come se non ci fosse un domani.

Bar Rouge: una grande terrazza con luci rosse che si affaccia sul Bund. Musica commerciale, decisamente più ballabile per i miei gusti, e cocktail non improvvisati. Con Stig e socio, non so come ci siano riusciti, saltiamo tutta la coda senza neppure pagare.
Anche quel posto lo avevo conosciuto in foto, e devo dire che la vista è decisamente da cartolina. Mentre ancora sono in contemplazione di quello che ho davanti ai miei occhi sento la solita voce che mi dice “tra 15 minuti si va al Mint, gasseeeeeeee”. Vedo che ha in mano un grosso sigaro Montecristo in mano. Prima di fare qualche domanda mi freno. A volte è meglio non sapere.

Ok, la serata incomincia a farsi impegnativa, le scarpe di Gianvito Rossi saranno comode a loro modo, comode come può esserlo un paio di tacchi a spillo di 12cm. Non ho molta voglia di continuare questa notte brava, ma oppormi non servirebbe.
“Siamo amici di D.” fa il socio di Stig alle feroci Kill Bill dalle gambe lunghissime che tengono la lista dei “prescelti” che posso entrare nel locale. Il Mint è un club esclusivo, che ha vinto non so quali premi a livello mondiale tra i club del suo genere. La sua puzza sotto al naso mi era già arrivata alle orecchie prima di partire. Non mi sento molto a mio agio.
“Chi è D.?” domando
“Il capo”
“E lo conoscete così bene?”
“No, mai visto, ma è molto amico di un amico”
Prima o poi li beccheranno. E dovrà essere pagata una cauzione salata per farli uscire.
Arrivati al piano nobile, devo ammettere che mi è dispiaciuto dover constatare che, in effetti, il locale era molto bello: nuance scure come gli altri, ma con maggiore classe e un tocco estroso qua e là, misurato, senza divenire kitch. Giro lo sguardo e noto che il lungo corridoio che porta al salone dove si balla è illuminato dalla vasca dell’acquario che corre lungo tutta la parete. Accidenti, non era uno scherzo: c’è davvero la vasca dei pescecani. Ok, lo ammetto, sono colpita.
Ed eccomi di nuovo in pista, in un coacervo di diverse bellezze e nazionalità, per la maggior parte occidentali. Ormai vado avanti per inerzia. 

Stig & Co. non sono vicino a me, l’ultima volta li ho visti che parlavano amabilmente con due australiane, probabilmente mai viste prima, come vecchi amici.
A un certo punto, erano ormai quasi le 3 e il locale non accennava a svuotarsi, mi sento prendere per un braccio.
“Devi vedere la parte migliore del locale” mi fa Stig.
“Se sono gli arredi dei bagni ti avverto li ho già visti, molto belli”
“I bagni? Questa battuta la rivendo come mia. Vieni.”
Dalla parte opposta a quella da cui eravamo entrati c’era una sala gemella, utilizzata come ristorante costoso. Ora era tutto spento e rimango aggrappata al suo braccio nella speranza di non inciampare clamorosamente in qualche cosa.

Ed ecco, inaspettata, dietro un muro, la grande vetrata sullo skyline della città. Stig avvicina un tavolo su cui ci mettiamo a sedere, in contemplazione. La musica dell’altra sala è in lontananza e nel buio quasi silenzioso ci chiudiamo ognuno nei propri pensieri.
“La sera che sono arrivato a Shanghai la prima volta mi hanno portato subito qua a cena. I grattaceli erano tutti illuminati. Rimasi folgorato. Stavo scappando da un dolore che mi seguiva da tempo come un rumore sordo e vedere tutto questo davanti a me mi ha ridato il gusto di stupirmi e la curiosità di scoprire, di vedere. Il primo sorriso dopo tanto tempo. Rivederlo adesso, a luci spente, mi dà ancora le stesse sensazioni, ma anche pace. È questo che mi fa impazzire di questa città: ti permette di provare certe sentimenti anche dento un club dove ti aspetti ben altre sensazioni.”
“E ora i fantasmi sono svaniti?” mi azzardo a chiedere.
Silenzio. Forse non dovevo chiedere.
“No. Ma ho ritrovato Shanghai” risponde lui, senza distogliere il volto dalla luce della luna che illumina dolcemente la notte. Sì, c’era pure la luna piena. Colpita affondata.
Non c’è omologazione per un’esperienza del genere, non c’è foto, non c’è realtà virtuale che tenga. Forse oggi il gusto della scoperta non sta più nel vedere i luoghi, anche se lontani. Sta nell’avere il dono di conoscere i sentimenti e il vissuto delle persone che per quei luoghi ci sono passati.
Rimaniamo così, in intimo silenzio, ancora per un po’, fin quando il socio di Stig non arriva urlando “tra 15 minuti Zapata!!!”.
Ma di questo, e della hostess tedesca ubriaca trovata all’uscita del Mint, parleremo un’altra volta…

xx





Labels: , , , , , , , , , , ,